Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Strade, racconti, viaggi, informazioni sui paesi, consigli...

Moderatore: EnduroStradali

Avatar utente
momi20
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 299
Iscritto il: venerdì 7 settembre 2012, 17:23

Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da momi20 » lunedì 18 ottobre 2021, 18:19

JUMP TO BALCANI 2021…ANCHE LA GRECIA

Un salutone a tutti, con la due ruote o no. Come per molti ferie saltate nel 2020. D’accordo che avrei potuto organizzarmi lo scorso anno con a disposizione l’Italia, ma oltre al Covid ci si è messo di mezzo un’anno particolarmente tribolato col lavoro. Alla fine avrei potuto mettere insieme 8/9 giorni, ma mi è passata la voglia. Niente di male in quanto mi sono ampiamente ripagato quest’anno. In un primo momento avevo pensato al Nepal, che però ha l’obbligo di una decina di giorni di quarantena all’arrivo: mi hanno riferito che si può anche infischiarsene, ma alla fine è poi saltata fuori una valida alternativa, visto che in una certa zona dei Balcani non ero mai stato. Ne ho sempre letto benissimo, quindi alla fine ho individuato ben 4 paesi da visitare per la prima volta. Per la precisione,ed in senso di percorrenza, Albania, Montenegro, Kosovo e Repubblica di Macedonia del Nord. A un certo punto ho capito che poteva starci anche la Grecia e l’ho inserita strada facendo.
Sono partito il 12 settembre e tornato il 2 ottobre.
Per la prima volta il mio Suzuki DR ha avuto un problema elettrico non semplicissimo da risolvere: me lo avrebbero ridato il 20 di settembre. Troppo tardi per i miei impegni di lavoro. Come tantissime altre volte ho esplorato i noleggi: prezzi esorbitanti, sempre attorno ai 100€/giorno se non oltre a meno di non accontentarsi di scooter. Stessa musica in Italia, Slovenia, Croazia,Montenegro,Kosovo, Macedonia,Albania…e invece no. Proprio quando stavo per arrendermi salta fuori un noleggio a Saranda ( poco meno di 300 km a sud di Tirana). Non hanno un sito ma una pagina facebook che è sempre una grande possibilità per prezzi ribassati: https://www.facebook.com/Moto-Saranda-972086312843661/
Hanno 2 moto per il noleggio: Kavasaki KLE 500 a 50 €/giorno oppure Transalp 400cc a 40 €/giorno: manco sapevo esistesse quest’ultimo modello. Ovviamente vado per il secondo. Con 60 € mi procurano un’assicurazione internazionale e posso andare dove voglio. Ok gli dico che appena ho la data certa di arrivo li contatto. Per i voli alla fine ho scelto la Air Albania: vero che il volo A/R da Bologna è più caro di altre compagnie (es. Wizz), ma nel prezzo oltre al bagaglio a mano sono compresi 30 kg di bagaglio in stiva. Io col fatto di prendere casco tenda e sacco a pelo pagherei alla fine di più con le altre compagnie per imbarcare il tutto. 90 € il biglietto aereo e con 12 € ho il bus da Tirana a Saranda
Per la parte burocratica, non essendo necessari i visti è stato sufficiente controllare le normative covid dei vari paesi. La cosa è estremamente semplice. Avendo io fatto le due dosi non è richiesto altro che il Green Pass (controllato via mail con le ambasciate italiane in loco) e la compilazione del PLF (Passengers Locator Form) per l’ingresso in Albania e il ritorno in Italia.
Come disse Winston Churchill :” I Balcani producono più storia di quanta ne possono digerire” e io ne ho gironzolato stavolta solo una parte. La Yugoslavia iniziò ad agonizzare con la morte di Tito nel 1980, si frammentò violentemente nel 1991 e scomparve definitivamente nel 2003 con l’unione temporanea di Serbia e Montenegro, terminata velocemente. Il 30 marzo del 2010 è morto definitivamente anche il dominio internet .yu. per la storia recente io mi sono guardato un bel reportage della BBC in 6 puntate fruibile su You Tube : “The Death of Yugoslavia” che mi permetto di consigliare https://www.youtube.com/watch?v=tj9Zw5f ... Ut&index=1

Per luoghi, itinerari, alloggi, cucina ed ogni altro riferimento necessario per una vacanza perfetta, mi sono ancora una volta affidato alla collana delle guide Jump To..Balcani edizione 2021 (che ovviamente non conteneva la Grecia, ma quella è stata una destinazione decisa in corso d’opera).

Immagine

Questo è stato il mio itinerario in moto dal 13/09/21 al 29/09/21: in rosso ho segnato i posti dove ho pernottato, che non sono necessariamente imperdibili: segnalerò volta per volta posti, luoghi o monumenti ( o altro) che ho ritenuto meritevoli di una sosta.

Immagine

Attrezzatura e vestiari più o meno tecnici

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Domenica 12/09/21

Imbarco a Bologna

Immagine

Catering dell’Air Albania impeccabile

Immagine

All’aeroporto compro una sim con credo 10 GB: la ALBTELECOM è più economica delle altre compagnie presenti

Immagine

Con la navetta della Luna Service (300 lek = 2,47 lek) raggiungo il terminal dei bus da dove alle 16 parte il bus della Girafa (https://gjirafa.com/Autobus) che verso le 21.00 arriva a Saranda.

Immagine

Sono le 14,00: mi carico la borsa e cammino lungo il viale . Oggi è domenica, ma trovo un market aperto, prendo da bere e qualcosa da mangiare: bar e fast food chiusi coi tavoli all’aperto ti danno sempre una mano quando hai bisogno di fare una sosta

Immagine

La biglietteria e il mio bus

Immagine

Immagine

Non vedo obblighi di mascherina, anche se qualcuno poi la indosserà. Puntuali partiamo alle 16,00 e verranno fatte un paio di soste. Noto subito l’incredibile numero di stazioni di rifornimento, che fanno contrasto col traffico scarso. Ok è domenica, ma stiamo percorrendo una delle (non tente ) autostrade del paese. Con a fianco la figlia l’autista è sempre a parlare al cellulare, anzi ai cellulari. Oltre alla guida riesce a gestirne 2 che gli allunga la figlia quando squillano (anche lei ha il suo, ovviamente).
Verso le 19.00 inizia a piovere forte, è buio, ma l’autista guida con padronanza: ciò gli consente di continuare a gestire i 2 cellulari anche col maltempo. Oltre alle fermate ufficiali, ne abbiamo altre “a richiesta”, per scendere e salire, come in Vietnam, Africa ecc…
Comunque alle 21.00 sono a Saranda e non piove.
Il mio nuovo potentissimo cellulare Poco X£ NFC della Xiaomi funziona davvero bene: devo dire che il precedente Wiko da 48 € (la confezione danneggiata mi diede diritto ad uno sconto da Mediaworld) se l’era comunque cavata in Colombia ed Ecuador nel 2019, ma ero proprio arrivato al limite come operatività. Avevo scaricato le mappe off line di Google maps prima di partire: con una piccola sgambata arrivo al primo degli ostelli della mia vacanza, il Saranda SR Backpackers. Vista del lungomare e camere con balconi. Dato che è domenica 12,l’inizio della stagione NFL, ceno guardando la prima uscita stagionale dei miei New York Giants, impegnati contro i Denver Broncos: prima sconfitta stagionale di quella che sarà una lunga serie quest’anno.

Immagine

Immagine

Immagine

Il gestore dell’ostello, Tommy, è simpaticissimo ed attento ad ogni dettaglio. Appena arrivato mi ha mostrato tutto dell’ostello, bagno, armadietti, cucina ecc…è un grande fan di Vasco Rossi.
Quando vado a letto, avendo guardato la partita, è quasi l’una

Avatar utente
momi20
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 299
Iscritto il: venerdì 7 settembre 2012, 17:23

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da momi20 » lunedì 18 ottobre 2021, 18:20

Lunedì 13 settembre

Ieri sera, avendo guardato la partita ero andato a letto un poco tardi. Prima di salire al letto rialzato avevo dovuto cercare spazzolino e dentifricio nel mio armadietto. Improvvisamente un altro ospite,anche lui anziano, mi aveva chiesto in inglese e con tono sgorbutico se quello fosse il mio armadietto. Avrei voluto rispondergli che no , stavo rubando, ma ho preferito non litigare in una stanza al buio la mia prima notte in vacanza. Ebbene al mattino mi sveglio e vedo questo deficiente nudo che gira per la stanza cercando i vestiti. Nella camera dormivano anche un ragazzo e una ragazza. Purtroppo capita che alcune persone non riescano a capire che, anche se hai pagato e l’ostello non ha limiti di età, oltre una certa età, sei comunque un ospite che deve fare attenzione al suo comportamento. Per un ragazzo di 18 anni, già un trentenne è un vecchio. Comunque aspetto che si vesta e poi vado a far colazione in cucina.

Immagine

Purtroppo me lo ritrovo nel divano vicino al tavolo. Mentre mi preparo il caffè, vedo un barattolo vicino al bollitore e così guardo di cosa si tratti: spesso negli ostelli tè e caffè sono forniti per gli ospiti. Il torvo personaggio mi sbraita dal divano che è suo. Vabbè: faccio colazione e come spesso mi capita scatto una foto al tavolo. Ancora risuona la vociaccia che mi chiede se ho scattato una foto a lui. Sarebbe bello dirgli che mi era stato sufficiente vederlo nudo per la stanza, ma lascio perdere. Interviene anche il gestore Tommy, parlando del più e del meno e poi mi fa un cenno : capisco che quella persona non piace nemmeno a lui.

Le pareti dell’ostello sono piene di scritte di ringraziamento per Tommy: davvero una persona che fa il suo lavoro con passione

Immagine

Immagine

Immagine

Mattinata di sole pieno. Segnale beneaugurante per partire in moto.

Immagine

A piedi raggiungo il negozio e in meno di un’oretta sbrigo tutte le formalità. Ho portato con me il casco per tornare in ostello con la moto e caricare i bagagli. Prima però mi fermo per fare una copia della chiave della moto. Tornato al Saranda SR Backpackers inizio a caricare la moto: decisamente più comoda la sella rispetto al mio Suzuki 350 DR

Immagine

Come prima tappa ho scelto Berat, detta la città dalle 1000 finestre.
Poiché avevo visto alcuni filmati su You Tube relativi alla Death Road la SH74 nella solita categoria “Most Dangerous Road ecc…ho deciso di inserirla per arrivare a Berat.

Immagine

Dopo circa 75 km trovate la deviazione per la SH74…passato il ponte svoltate a sinistra: io ho fatto una trentina di km dall’altra parte prima di rendermi conto dell’errore

Immagine

Immagine

Da qui avete ancora un 80 km per arrivare a Berat

Immagine

Immagine

Immagine

Questo è un punto particolare della SH 74 che dovete assolutamente evitare di inserire nei filmati di tipo “drammatico” che eventualmente intendete realizzare e nel video vi spiego perché (ok mi sono sbagliato e la chiamo SH 47 invece di SH 74)

Immagine

https://www.youtube.com/watch?v=R-Kc_VHNqWs

credo che l’asfalto riappaia dopo circa 50 km ma non ne sono certo

Immagine

Immagine

Immagine

Da questa strada si arriva a Berat proprio dalla parte che meglio permette di osservarla nel suo insieme

Immagine

Immagine

Avevo prenotato all’ostello Mangalem: 9 €/notte. (Indirizzo: Lagja Mangalem, 5000 Berat, Albania, Berat, Albania)

Praticamente dalla strada principale che costeggia il fiume sarannno 30 mt all’interno, ma non avendo insegne, anche con Google Maps ho impiegato un pochetto a trovare l’ingresso.
Mi apre quello che poi scoprirò essere il padre dei due fratelli che gestiscono l’ostello. Mi mostra la camera (ci intendiamo a gesti non parla italiano) . Sono appena arrivato, dopo una giornata in moto, perciò serve (mi fa capire) un bel caffè…anzi mentre prepara il caffè è meglio che io beva l’ammazzacaffè. Così assaggio per la prima volta il Raki, la grappa albanese. Quella prodotta a livello commerciale ha un tasso alcolico del 42%, quella fatta in casa invece è appena un poco al di sotto dell’alcol etilico. Lo capisco appena butto giù tutto d’un fiato il bicchiere che il nonno mi ha riempito: scompare la fatica della guida, lo stomaco si ripulisce e disinfetta in un’attimo e sono pronto per una visita notturna della città. Bisognerebbe provarlo per preparare delle bombe Molotov.

Immagine

Immagine

Dall’ostello al castello, a piedi sono meno di 1500 mt e si attraversa tutto il quartiere storico di Mangalemi…peccato che il castello sia ad un’altezza di 214 mt. L’avessi saputo, avrei bevuto il terzo bicchiere di Raki. Mi ero scordato, il nonno, dopo il caffè mi ha versato un’altra volta il raki nel bicchiere. Stavolta non me ne sono nemmeno accorto. Il primo aveva bruciato tutto.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Rientrando compro i pomodori. Incontro finalmente uno dei 2 fratelli e portiamo la moto in una guest house in zona per la notte. Per cena mi preparo il risotto alle sardine, con contorno di pomodori

Immagine


Martedì 14 settembre

Colazione e foto coi fratelli che gestiscono l’ostello (uno di spalle) e la mamma

Immagine

Immagine

Poi via a recuperare la moto

Immagine

Il proprietario della guest house dove avevo parcheggiato il mio bolide : ci sono dei bikers tedeschi e una sorellina del mio DR

Immagine

Immagine

Poi velocemente rientro per caricare la moto

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Ci sono circa 190 km per arrivare a Scutari, da dove si prende poi la SH21 e dopo circa 70 km arrivater al parco del Teth. Io avevo trovato il camping Freskia in zona.
Dopo Scutari sosta alimentare all’inizio della SH21

Immagine

Immagine

Immagine

Un inceneritore locale

Immagine

Immagine

Ormai vicino al campeggio il motore iniza a faticare , sembra ingolfato e alla fine si ferma. Maledizione già al secondo giorno a piedi. Proprio non riparte. Dopo un attenta analisi tecnica del mezzo, mi balena in mente di provare a mettere in riserva il serbatoio: fantastico riparte. Degli operai però mi dicono che non ci sono distributori nel paesino Teth e dovrei tornare indietro di 20 km al supermarket del paese dell’inceneritore. Me ne mancano 7 per arrivare al campeggio: capirai se vivendo qui non hanno qualche litro da vendermi

Immagine

Praticamente ci sono 2 edifici in uno spiazzo enorme con vista sulla vallata. In uno abita la famiglia che gestisce il posto, mentre nell’altro hanno organizzato la cucina e la sala pranzo.

Immagine

Immagine

Immagine

Rapido montaggio tenda

Immagine

Immagine

Compro la benzina che ovviamente aveva

Immagine

E quindi mi dirigo immediatamente al paesino del Teth

Qui guest house, camping hotel ecc.. abbondano e avete solo l’imbarazzo della scelta per una sosta. Il posto è un punto di partenza per tantissimi trekking nelle alpi albanesi

Immagine

Percorro qualche chilometro costeggiando il fiume, poi il sentiero si restringe troppo e devo tornare indietro

Immagine

Immagine

Immagine

Un guado impegnativo
Immagine..

Immagine

Immagine

Immagine

Un campo da pallavolo improvvisato dalla chiesetta:l’incontro è tiratissimo

Immagine

Immagine

https://www.youtube.com/watch?v=MdHooMXlQ-0

Rientro al campeggio per il tramonto

Immagine

Il papà del gestore del camping…anche lui mi offre il suo Raki: proprio suo, anche questo fatto in casa

Immagine

Gatto locale che non disdegna il pane

Immagine

La cena che mi servono meriterebbe qualche stella

Immagine

Buio pesto, si va a letto. Verso le 2 però sento grattare furiosamente fuori dalla tenda: sarà il gatto che cerca del pane. Metto la testa fuori e invece ho un altro ospite

Immagine

Immagine

Avatar utente
fede78
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 2687
Iscritto il: giovedì 5 aprile 2007, 0:50
Località: casale sul sile (tv)

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da fede78 » lunedì 18 ottobre 2021, 22:52

mi ripeto (qualche messaggio si è perso a causa di un problema che ha costretto il nostro angelo custode picard a metter su il backup di 2 gg fa) ... grande momi! un piacere rileggerti, finalmente!
ktm 690 r

Avatar utente
Inqui
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 375
Iscritto il: sabato 3 dicembre 2016, 2:14
Località: Treviso

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da Inqui » martedì 19 ottobre 2021, 9:23

Mitico!

fabio990
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 199
Iscritto il: domenica 29 marzo 2009, 16:06
Località: Treviso

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da fabio990 » martedì 19 ottobre 2021, 21:20

Che bel report! Complimenti davvero. Tra l’altro è stato un piacere rivedere la mia cara transalpina verde...anche se ignoravo ci fosse il 400!
"Ehi ma tu lo reggi il whiskey?"
"I primi 2galloni si, al terzo divento nostalgico e ci può scappare la lite!"
Da:"I 2superpiedi quasi piatti"

Avatar utente
andreatv
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 1097
Iscritto il: mercoledì 29 agosto 2018, 10:33
Località: silea (TV)

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da andreatv » martedì 19 ottobre 2021, 23:13

Grande Momi, complimenti per questo nuovo viaggio e per il tuo stile avventuroso e scanzonato😄 non vedo l'ora di leggere il seguito.

E per la moto, anche se 400 il Transalp è sempre il Transalp, ottima scelta!
DR 600 SN41A 1986
Transalp XL600V 1991
KLX 250 1999

"Nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si può rompere se lo si trasforma!"

Avatar utente
momi20
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 299
Iscritto il: venerdì 7 settembre 2012, 17:23

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da momi20 » martedì 19 ottobre 2021, 23:27

Mercoledì 15 settembre

Le foto confermano il mio “incontro “ con la volpe ieri sera. Già che mi hanno preparato la cena, mi faccio preparare anche la colazione: alla fine campeggio+8 litri benzina+ colazione + cena + volpe = 30€.
Immagine

Con papà e figlio
Immagine

E gatto
Immagine

Per forza, ero a colazione…quasi un brunch direi
Immagine

Devo tornare indietro, per poi prendere la direzione della frontiera col Montenegro. Ho deciso di passare da Podgorica, la capitale del Montenegro, per far vedere la moto. Non funzionano la luce posteriore (ok freno), gli anabbaglianti (ok abbaglianti) e le frecce laterali anteriori (ok posteriori): diciamo che sono al 50%.
Si ripercorre a ritroso un tratto della SH 21 poi dopo poco più di 40 km ci sono le indicazioni per la frontiera: non è necessario tornare fino a Scutari.

Immagine

Immagine

La frontiera col Montenegro è velocissima: mi basta esibire passaporto, green pass e i documenti della moto: neanche controllano il contratto di noleggio.

Immagine

Arrivo a Podgorica. Non ho ancora la sim locale, ma avendo scaricato le mappe di Google maps, posso cercare anche off line. Trovo un concessionario abbastanza fornito Magnus Moto ( Triumph più altre marche) https://www.magnusmoto.com/

Immagine

Verdetto che è una mazzata. La moto è parecchio vecchiotta mi spiega (ottimo inglese il titolare) e sicuramente i km non sono reali. Questo probabilmente lo avevo capito anch’io dalla ruggine sui poggiapiedi ed in altr parti….dice lui: per me era praticamente nuova. Inoltre il problema è sicuramente dato da una specie di centralina, sotto a contachilometri e contagiri. Però non è originale è di fabbricazione cinese: come non originali sono alcune parti in plastica. Non avendo quella centralina, non può nemmeno installarmene una delle sue in quanto non sa se poi funziona: non si fida poi a rimontarmi quella che ho.
Cavoli, girare sempre con gli abbaglianti sta diventando fastidioso: avevo notato che i conducenti nel senso opposto di marcia non mi stavano salutando in maniera troppo amichevole. La cosa potrebbe complicarsi col buio.
In questi momenti,talvolta, dove Momi fallisce arriva Capitan Spiff

Immagine

Con un pezzo di nastro da elettricista il problema si può risolvere: ecco fatto. Coprendo la parte superiore, non dovrei più abbagliare gli altri conducenti.

Immagine

Già che sono a Podgorica, faccio un poco di fila in un negozio di telefonia e compro una sim locale.
Connessione ok e quindi scelgo come tappa il Monastero di Cetinje che è la capitale storica del Montenegro, sicuramente più piacevole di Podgorica. Il monastero è serbo ortodosso.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Prima della Kotor Serpentine ( la P1) sosta gastronomica a Niegusi, che ha 2 eccellenze, il prosciutto e il formaggio. Io avevo già pane e formaggio e quindi ho comprato il prosciutto

Immagine

Immagine

Ammetto di non essere riuscito a cogliere con le mie foto la bellezza di questo tratto di strada: in pratica è l’equivalente dello Stelvio, ma partend dall’alto vedete Kotor (Cattaro) e il mareo meglio la baia di Kotor.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Comunque dall’alto questa immagine (internet) rende meglio l’idea della strada

Immagine

Finalmente arrivo in fondo: pochissimo traffico, ma tenete rigorosamente la destra: qualche imbecille con 4 ruote che si diverte a tagliare le curve lo trovate di sicuro

Immagine

Qui il turismo sta spingendo moltissimo specialmente con gli arrivi dalla Russia

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Calando il sole, e viste le condizioni di illuminazione della mia Transalp, inizio a valutare qualche posto in cui fermarmi. Sono prudente e quando mi accorgo nello specchietto di destra di una qualche macchina che arriva da dietro, accendo una freccia …ehh devo usare lo specchietto di destra. Querllo di sinistra si è allentato e andando si piega verso di me.

Immagine

A circa 20 km da Pluzine, in località Zaborje, lungo la M18 vedo il Motel Zaborje, 15 € la camera

Immagine

Ma va: mi mangio il prosciutto di Niegusi

Immagine

Il motel ha una sala bar/ristorante bellissima ed è un ritrovo di motociclisti: stasera però siamo solo in 3 clienti: io unico motociclista

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Avatar utente
Mark_Lenders
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 167
Iscritto il: martedì 29 maggio 2018, 22:40
Località: piove di sacco

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da Mark_Lenders » mercoledì 20 ottobre 2021, 12:06

Bellissimo, non vedo l'ora arrivi la prossima puntata!

Inviato dal mio MAR-LX1A utilizzando Tapatalk

Honda Dominator 1991

Avatar utente
hilary
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 493
Iscritto il: venerdì 11 novembre 2011, 23:39
Località: lonigo vicenza

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da hilary » mercoledì 20 ottobre 2021, 21:08

ciao momi bellissimo rivederti e leggere i tuoi reportage, continua pure !!!!!!
le emozioni riempiono di vita gli attimi

Avatar utente
ciccio pasticcio
EnduristaSelvaggio
EnduristaSelvaggio
Messaggi: 2524
Iscritto il: mercoledì 21 novembre 2007, 16:40

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da ciccio pasticcio » mercoledì 20 ottobre 2021, 21:29

Ben ritrovato, bravissimo come sempre, facci girare con te...

Inviato dal mio BISON utilizzando Tapatalk

SBARO MA.....NO IMPARO!!!!!!!
Semper Cancellis!!
Ciao Pupa, Ciao Tonino, Ciao Massimo, Ciao Stefano,Ciao Mario, Ciao Corrado, Ciao Luca, Ciao Nik, ci vediamo piu in la.

Avatar utente
momi20
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 299
Iscritto il: venerdì 7 settembre 2012, 17:23

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da momi20 » mercoledì 20 ottobre 2021, 23:32

ciccio pasticcio ha scritto: mercoledì 20 ottobre 2021, 21:29 Ben ritrovato, bravissimo come sempre, facci girare con te...

Inviato dal mio BISON utilizzando Tapatalk
Proprio quello che spero di riuscire a fare"portarvi in giro"

Martedì 16 settembre

Oggi ho in programma di attraversare il parco nazionale del Durmitor. Grosso modo, agli estremi di questo percorso ci sono due punti interessanti. Il Piva Canyon e il Tara River Canyon, inoltre raggiungete il Bobotov Kuk, il secondo punto più alto del Montenegro. Viene “battuto di pochi metri dal Zla Kolata.
Mi è venuto in mente che in qualche negozio di mountain bike o ferramenta, forse riesco a trovare una qualche luce da fissare alla moto. Comunque, nel caso di tamponamento, avrei ragione: tanto potrei sempre dire che la luce si è rotta nell’urto.
Il motel Zaborje: il caso mi ha fatto fermare nel posto giusto

Immagine

Immagine

Immagine

Sono molto vicino a Pluzine, che però non ha negozi di moto o mountain bike (perlomeno io non li vedo)

Immagine

Immagine

La stanno completamente rimettendo a posto questa città e dappertutto è un cantiere

Immagine

Immagine

Non proprio dappertutto

Immagine

In questo negozio però trovo il nastro da elettricista: quello attaccato a Podgorica sul faro anteriore iniziava a staccarsi

Immagine

La strada è asfaltata e segue il Piva Canyon, attraversando parecchi tunnel nella roccia viva: ci sono anche le curve, cosa volere di più ?

Immagine

Immagine

Qui doveter prendere la direzione per il Durmitor

Immagine

Immagine

Immagine

E inizio ad attraversare il parco

Immagine

Immagine

Immagine

Villette non proprio a schiera

Immagine

Immagine

La pallacanestro nella ex Jugoslavia era una religione e le tracce sono ben presenti in ognuna delle nazioni balcaniche

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Non male questo bar

Immagine

Immagine

Ammetto che mi era venuto voglia di prendere una delle luci

Immagine

Immagine

Arrivando a Zabliak bisogna fare una deviazione verso nord-ovest per arrivare al punto da cui si può andare ad ammirare il ponte Djordjevic, alto 172 mt. Negli anni 40 era il viadotto ad arco di cemento più alto d’Europa. Il canyon Tara è profondo 1300 mt e viene chiamato il colorado d’Europa: il Gran canyon lo batte di 300 mt.

Prima rifornisco il frigo della mia moto (leggi bauletto): qui la mascherina è usata in tutti i luoghi al chiuso

Immagine

Non è semplicissimo prendere la direzione giusta: ci sono un sacco di biforcazioni, comunque dopo un po’ arrivate ad uno spiazzo da dove o andate a piedi per un’ora e arrivate a vedere il ponte, oppure si può proseguire. Non ho voglia di camminare per un’ora: pago la tassa per il camminamento e mi inoltro per un po’

Immagine

Immagine

Immagine

Poi torno alla moto e proseguo per la strada che scende verso il fiume Tara

Immagine

Immagine

L’Etno Cotttage Momo…se fosse un poco più tardi potrei anche pensare a fermarmi

Immagine

Lo trovate su booking.com

https://www.booking.com/hotel/me/ethno- ... mo.sr.html

mi fermo per uno spuntino: si sente fortissimo il rumore dello scorrere del fiume

Immagine

Immagine

Immagine

Inizio a percorrere in senso inverso la strada che mi riporta a Zabliak, fino a tornare sulla strada che porta verso il Kosovo

Immagine

Qui sono alla Red Rock Zipline: rafting, attraversamento del canyon con carrucole ecc (https://redrocktara.com/)

Immagine

Immagine

Immagine

Mi fermo per un caffè in un camping/motel lungo la strada

Immagine

Immagine

Immagine

Inizia a far buio , passo Berane e appena fuori della città vedo due stazioni di servizio ai lati della strada e un motel con parcheggio di camionisti: sempre una buona scelta questi posti. 15 € con la prima colazione

Immagine

Immagine

Prendo una foto della magliettta grigia da viaggio, per confrontare la stessa al termine della vacanza

Immagine

Il proprietario mi aiuta a coprire la moto per la notte

Immagine

Vado a prendere un paio di cose in un market dal distributore: fuori ci sono 5 bambini che chiedono soldi. Non do mai denaro ai bambini, tanto c’è sempre chi glielo prende dopo. Compro invece delle scatole di biscotti, gliele offro. Mi guardano, ma poi le prendono e iniziano a sgranocchiare di gusto. Li saluto e vado a dormire.

Avatar utente
Mark_Lenders
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 167
Iscritto il: martedì 29 maggio 2018, 22:40
Località: piove di sacco

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da Mark_Lenders » venerdì 22 ottobre 2021, 8:49

Dai Momi che qui sto coi pop corn in mano :-D :wink:
Honda Dominator 1991

Avatar utente
momi20
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 299
Iscritto il: venerdì 7 settembre 2012, 17:23

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da momi20 » venerdì 22 ottobre 2021, 22:47

Mark_Lenders ha scritto: venerdì 22 ottobre 2021, 8:49 Dai Momi che qui sto coi pop corn in mano :-D :wink:
Ehh il tempo non abbonda sono ancora in officina
17/09/21 venerdì

Vorrei partire non troppo tardi, ma ieri sera ho resistito a guardare in diretta Giants-Washington, sarei andato a letto troppo tardi. Però la NFL TV (sono abbonato) ti permette o di rivedere l’intero incontro, gli highlights oppure la versione con tutti i giochi condensata in 40 minuti. Non conosco il risultato: posso dedicare 40 minuti alla sintesi ? Certo che si: sono in vacanza !
Ottima la colazione
Immagine

La partita è fantastica tiratissima. A pochi secondi dalla fine i miei Giants sono in vantaggio per 29 a 27. I Washington tentano il calcio da 3 punti: fiato sospeso…è fuori ! E vai vinto !!!! Aspetta c’è un fallo…di un difensore dei Giants…si ripete il calcio. Stavolta è dentro: Washington – Giants 30-29. Miseria.
Il padrone del motel: gentilissimo

Immagine

Mi fermo a Rozaje poco dopo per cercare una luce

Immagine

Immagine

La trovo in una ferramenta: è a batterie solari. Quando farà buio penserò a come fissarla

Immagine

Immagine

Immagine

In questa piazza un bambino chiede l’elemosina: gli compro dei biscotti

Ora vado verso la frontiera

Immagine

Immagine

Entro in Kosovo

Immagine

Mentre attraverso Peja per andare al parco naturale Bjeshkët e Nemuna vedo un grosso negozio di moto e scooter, hanno delle marche cinesi…vuoi vedere ?
Mi fermo e gli spiego il problema: il meccanico capisce subito e per 10 € mi cambia questa specie di centralina

Immagine

Immagine

Tutto a posto ora posso guidare e illuminare d’immenso, prima illuminavo di meno ( chiedo scusa a Radio 2 e Caterpillar per la licenza poetica)

Sosta pranzo all’ingresso del parco

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Poi devio verso l’interno

Immagine

Immagine

Questa è un’abitazione

Immagine

Avevo visto un’indicazione con la scritta Small Shop: corrisponde

Immagine

Immagine

Mi fermo per prendere un caffè, il proprietario mi chiede qualcosa ma nella lingua locale: gli chiedo se parla inglese. Scuote la testa. Poi lui mi chiede se parlo tedesco:”Nur ein wenig (solo un poco) “ gli rispondo. L’ennesimo emigrante rientrato in patria. E così capisco che mi aveva chiesto se volevo dello zucchero e del latte. I miei vaghi ricordi del liceo mi permettono comunque di scambiare due chiacchere

Immagine

Stanno costruendo parecchio in questa zona

Immagine

Immagine

Da qui solo sentieri

Immagine

Immagine

Incrocio una macchina con due persone: mi chiedono dove sto andando. Niente gli rispondo solo un poco in giro. Meglio che giro la moto, sto andando verso il confine col Montenegro: le guardie di frontiera potrebbero non gradire, non esistono transiti in questa zona tra i 2 paesi.

Ok rientro a Peja: sono previsti giorni di pioggia e quindi decido di andare a Pristina la capitale. Prenoto on line l’ostello. In centro vicino alla statua di madre Teresa di Calcutta. La statua la trovo subito, ma vigliacco se hanno messo un’indicazione. L’ingresso dell’ostello è in un’interno di un palazzone. Alla fine lo trovo
Per cena risotto con formaggi misti

Immagine

Immagine

Immagine

Poi esco a fare 2 passi, ma in fretta, il coprifuoco è alle 23.00

Immagine

Immagine

Poi a nanna

Immagine

Avatar utente
momi20
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 299
Iscritto il: venerdì 7 settembre 2012, 17:23

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da momi20 » sabato 23 ottobre 2021, 23:50

Sabato 18 settembre

Al mattino decido per una passeggiata per Pristina: infatti arriva un diluvio. Lo sapevo e perciò ho aspettato a mettermi in marcia, riesco comunque a fare qualche scatto. Il tutto intervallato da fughe sotto a portici e dentro moschee.
La spettacolare vista dal balcone della mia camerata

Immagine

Ammetto che il combo Cappuccino + Muffin a 0,40 centesimi di euro è risultato irresistibile

Immagine

Madre Teresa di Calcutta

Immagine

L’eroe nazionale albanese Skanderbeg

Immagine

Il teatro nazionale (kombetar)

Immagine

Immagine

Immagine

Poco prima di questo scatto ha iniziato letteralmente a diluviare

Immagine

Immagine

Alla fine sono riuscito a rientrare in ostello dove mi sono dato da fare per asciugare un poco i vestiti

Immagine

Il parcheggio sicuro ma non custodito dell’ostello: comunque dietro ai sacchi della spazzatura la moto era abbastanza sicura

Immagine

Una città attraversata andando verso Prizren

Immagine

Immagine

Raggi X e denti

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Per arrivare a Prizren l’ho presa “larga”, scendendo a sud e attraversando il parco Malet e Sharit. Poco prima di attraversarlo mi sono fermato per il pranzo (primo pomeriggio) e mi sono accomodato da una specie di monumento dedicato ai combattenti dell’UCK , l’organizzazione para militare kosovaro-albanese.

Immagine

Immagine

Immagine

Inizia a piovere. Fortunatamente dall’altra parte della strada c’è un edifico adatto a riparare me e la moto e mi ci trasferisco

Immagine

Non ci credo: è il circolo dell’UCK…non vedo il campo da bocce

Immagine

Altra sosta per pioggia

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Il sole saluta il mio arrivo a Prizren, città davvero carina, piena di locali e negozi e molto vivace dal punto di vista delle iniziative culturali. Abbastanza famoso a livello internazionale il Docufest dedicato a cortometraggi e documentari.

Immagine

Ho trovato un letto all’ostello Ura: nuovissimo e davvero con un’arredamento curato.
Avendo ancora a disposizione un paio d’ore di luce decido per giretto e spesa

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

La sala comune con la cucina

Immagine

Immagine

Stasera perapro il Riso all’Ortolana: carote pomodori e patate

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Dopo cena rifletto un poco sull’itinerario da seguire. Invece che andare a Valbona e rientrare in Albania verso est, andrò a sud.
Avevo segnato il parco nazionale della valle della Valbona fra i punti d’interesse, ma dato che si prevede pioggia, farei fatica ad usare la tenda. Andrò in Macedonia e poi potrei pensare di inserire una puntatina in Grecia, almeno per vedere i monasteri delle Meteore..anche se la tentazione di Atene è forte. Potrei contare le colonne del Partenone, studiato e disegnato per 3 mesi al liceo. Vedremo.

Avatar utente
momi20
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 299
Iscritto il: venerdì 7 settembre 2012, 17:23

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da momi20 » domenica 24 ottobre 2021, 18:37

Sabato 19 setttembre

Con le previsioni di pioggia confermate metto da parte l’idea di tornare in Albania per andare a Valbona al parco Lugina. Si va verso Skopje, la capitale della repubblica della Macedonia del Nord. Se ne avete voglia e tempo andatevi a leggere la disputa fra la Macedonia e la Grecia per la definizione del nome https://it.wikipedia.org/wiki/Disputa_s ... _Macedonia

Spesso però non sono questioni di lana caprina. Nel caso del Mar Caspio esiste una disputa sullo status del nome (mare o lago) fra i paesi che vi si affacciano. Prima della dissoluzione dell’USSR esistevano solo accordi fra questa e l’Iran. Ora sono 5 gli stati che si affacciano su queste acque : Turkmenistan, Azerbaigian, Russia, Iran e Kazakistan. Nel caso di lago si applicherebbe il diritto internazionale e quindi spazio agli accordi fra stati. Nel caso di mare invece si applicherebbe il principio
Della linea mediana. La linea tracciata fra tutti i punti equidistanti dalle coste. Per alcuni conviene la prima soluzione, per altri la seconda.

Al mattino, prima di un giretto per Prizren studio il percorso fino a Skopje: grazie al cielo la flessibilità è una delle caratteristiche principali delle guide Jump To.
La prima opzione offerta da Google maps mi da 160 km in meno di 2 ore. Ci lavoro un po’ e trovo un percorso decisamente più interessante. Poco meno di 200 km però in 4 ore: presumo che l’attraversamento del parco Mavrovo comporti delle strade secondarie e sterrati. Decido per la seconda opzione.
Immagine

Vado a vedere Prizren

La Sinan Pasha Mosque

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Poi mi dirigo alla fortezza Kalaja, che domina la città dall’alto…ma davvero dall’alto porca miseria

Immagine

Le indicazioni turistiche abbondano

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Verso le 11,00 sono di nuovo all’ostello e posso partire

Immagine

Immagine

Primi scrosci e mi riparo da un benzinaio

Immagine

Anche lui motociclista, mi mostra le foto della sua ultima gita e farfuglia un poco di tedesco: capisco che la strada che ho scelto non è tanto bella, poi lo vedo dubbioso sul fatto di andare a Skopje per quel percorso. Basta che non sia una pietraia impossibile.

Immagine

Questo è l’ultimo paese che incontro sul percorso prima della zona del parco

Immagine

Immagine

Immagine

Il cane sembra amichevole

Immagine

Immagine

Il fiume me lo ritrovo a sinistra per parecchi chillometri

Immagine

All’improvviso vedo alcuni edifici e una stazione di polizia con la bandiera della repubblica della Macedonia del Nord. Accidenti sono già alla frontiera: sono però abbastanza sicuro di non avere visto la stazione di frontiera del Kosovo. Forse, come fra Colombia ed Ecuador nello stesso edifico si trovano i funzionari di entrambe le nazioni. Però non vedo la bandiera kossovara. Chissà: ce ne sono di dispute e stranezze fra gli stati della ex Jugoslavia.
Immagine

Comunque tiro fuori passaporto e documenti della moto. Un poliziotto si sporge dalla finestra e mi saluta. Scende e mi chiede dove sto andando: “A Skopje” gli rispondo. Mi dice che non posso. Ma ho i documenti in regola e glieli mostro. Sorride ancora.
Ok per l’estate 2021 vinco il premio Orecchie d’Asino per la zona dei Balcani

Immagine

Sono da un po’ in Macedonia: la zona è off limita fra Kosovo e macedonia tranne che nel mese di agosto. Per tutto il resto dell’anno non è consentito il transito fra i 2 paesi lungo questa strada. Loro sono agenti di polizia, quindi mi dice semplicemente di tornare indietro. Proseguendo potrei incontrare i militari che sorvegliano la zona: sono armati e io sarei comunque un turista entrato illegalmente in Macedonia. Amen. Spuntino e poi 180 °, di nuovo a Prizren e poi a Skopje.

Immagine

Ehh stavolta il fiume è a destra

Immagine

Dopo essere nuovamente passato dal gregge (stavolta il cane mi insegue per un po’) mi sciroppo di nuovo tutta la strada ed arrivo a Prizren

Immagine

Immagine

Immagine

Invece di seguire il percorso di Google Maps, posso “tagliare” nuovamente per il parco malet e Sharrit ( mausoleo dell’UCK) e risparmi dei km di strada, non del tempo

Immagine

Inizia a fare buio quando arrivo alla frontiera: velocissimo il passaggio

Immagine

Immagine

Arrivo verso sera a Skopje, ma tanto il Get Inn Hostel è dotato di parcheggio privato
Come si può vedere dal sito la voce Parking: For our guests we provide safe and free parking

http://getinnskopjehostel.com/facilities/

la home page poi è fantastica http://getinnskopjehostel.com/

le foto mi avevano pienamente convinto. Un conto sono le foto di un sito un altro la realtà che vorrebbero rappresentare. Il parcheggio è un normale parcheggio incustodito. Il ragazzo della reception però è gentilissimo: visto che non si riesce a portare la moto nell’androne d’ingresso, me la fa parcheggiare nel giardino sul retro: ok non è proprio chiuso, ma col buio non si vede nulla. Solo i gatti regnano sovrani

Immagine

Avatar utente
momi20
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 299
Iscritto il: venerdì 7 settembre 2012, 17:23

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da momi20 » martedì 26 ottobre 2021, 22:45

Lunedì 20 settembre

La stanchezza, ma soprattutto l’età mi hanno fatto commettere un piccolo errore con il prelievo della moneta locale, il dinaro macedone. L’avevo letto il cambio, ma mi era rimasto in testa 1€=600 dinari. Così alla sera ho prelevato una quarantina di euro…il cambio è 1€=60 dinari. Perciò ho prelevato 400 euro, uno sproposito. Al mattino quindi vado a comprare una sim e poi, essendo lunedì, alla peggio andrò in banca a cambiare i dinari in eccesso in euro. Mi alzo presto perché ho visto nell’ostello il manifesto di un walking tour che inizia alle 10,00 e mi piacerebbe parteciparci. Li ho visti per le prime volte negli USA e adesso sono una realtà abbastanza diffusa nel mondo. Normalmete i free walking tour, prevedono solo una mancia al termine senza indicazioni, ma solitamente chi vi fa da guida è sempre ben preparato. In un centro commerciale trovo subito la sim e poi vedo un ufficio di cambio senza commissione: alla fine ci rimetto solo qualche euro nel cambio, pazienza.
Non siamo in alta stagione e al tour alla fine siamo solamente in tre: io la guida e un ragazzo indiano che lavora in Germania. La guida è davvero preparata, ma da subito il discorso scivola sul passaggio dalla Jugoslavia alle attuali repubbliche/stati. Lui ci tiene a sottolineare che la Jugoslavia di Tito era uno stato socialista, non comunista ed è fermamente convinto che la vita fosse di un livello migliore a quei tempi, sia come assistenza al cittadino, ma anche per via dell’istruzione e della distribuzione della ricchezza. L’argomento appassiona tutti e 3 e diciamo che alla fine il tour è stato un 30 % di arte e cultura e un 70% di discussione su politica, economia, libertà individuali ecc..
Comunque Skopje alla fine è piacevole, forse un poco eccessiva con tutte le statue dedicate ai personaggi più disparati, ma alla fine ha meritato una sosta di una giornata.

Immagine

Personaggio famoso a livello mondiale , ma che è nata qui: Madre Teresa di Calcutta

Immagine

Questa è piazza Macedonia, il centro della città: al centro una enorme statua equestre di Alessandro Magno, ma non si può dire che lo rappresenti. Il condottiero è una figura storica fortemente contesa da Macedonia e Grecia

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Il ponte di pietra

Immagine

Il nuovo stadio visto dalla fortezza di Kale

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Alla fine il tour si è prolungato e ci lasciamo alle 2 del pomeriggio. Rientro in ostello per sgranocchiare qualcosa e poi decido di riempire il pomeriggio gironzolando con la moto e andando a vedere la Croce del Millennio. La struttura in metallo commemora i 2000 anni del cristianesimo nella Macedonia del Nord. Alta 66 metri è la seconda costruzione del genere al mondo. Si trova sul punto più alto della montagna di Vodno e la si può ammirare da qualunque punto della città.

Quando arrivo ad un parcheggio ho però una sorpresa

Immagine

Si può proseguire solamente a piedi o in bicicletta. Per strada normale sono circa 8 km , mentre per il sentiero che taglia sono 3.
Ovviamente scelgo il sentiero: un’addetto mi chiede se sono un buon camminatore. Ma dai è un sentiero di montagna. La domanda era però sensata, tira parecchio e ci metto parecchio ad arrivare in cima.

Immagine

Immagine

La croce è imponente e il panorama meritava la scarpinata.

Immagine

Immagine

Immagine

Per rientrare è meglio seguire nuovamente il sentiero. In discesa farò prima. Incredibile, riesco a perdermi. La boscaglia è fitta, non ci capisco nulla, non mi rimane altro che continuare comunque a scendere. Un conto è lungo un sentiero, un altro in mezzo alla boscaglia. Comunque ho acqua e biscotti…no solo biscotti. La bottiglia d’acqua l’ho persa.
Comunque dopo un’oretta ritrovo la strada: ok adesso la seguo.

Alè rientrato al parcheggio

Immagine

Per cena riso con patate pomodori e carote

Immagine

Ok il sito non era veritiero, ma il posto non è male: ecco è la prima volta che sul frigorifero comune, oltre a chiedere di etichettare le sportine di cibo, viene suggerito di scrivere anche il personale motto di vita e segno zodiacale

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Vengono dalla Turchia. La ragazza si chiama Ceren e sta svolgendo l’Erasmus a Skopje

Immagine

Ho ancora un languorino e quindi apro la confezione di ricotta locale ( o circa ) che avevo comprato
Immagine

Avatar utente
momi20
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 299
Iscritto il: venerdì 7 settembre 2012, 17:23

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da momi20 » sabato 30 ottobre 2021, 23:30

Martedì 21 settembre

Oggi il mio scheduling prevede la sosta per la visita del sito archeologico di Stobi, uno dei siti archeologici più importanti della Macedonia.
Alè preparati i bagagli: niente male il welcome dell’ostello

Immagine

Il “parcheggio” reclamizzato sul sito

Immagine

Immagine

Lungo il percorso

Immagine

Immagine

Immagine

Mentre attraverso la città di Stip, noto una cerimonia religiosa e mi organizzo per una sosta: cioè scendo dalla moto

Immagine

Immagine

I fedeli accendono delle candeline, che vengono appoggiate in contenitori di lamiera con dell’acqua: un’addetto le rimuove dopo pochissimo credo per fare spazio all’atto votivo degli altri fedeli

Immagine

Immagine

L’ingresso nella chiesa dei fedeli, che lasciano le offerte

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Stobi è a meno di 70 km

Immagine

Immagine

Arrrivo un poco dopo l’una: il sole picchia niente male

Immagine

Dato l’orario è meglio pranzare e schiacciare un pisolino: nessun problema di code adesso sono l’unico potenziale visitatore

Immagine

Immagine

L’anfiteatro

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Ok è tempo di pubblicare delle foto anche con delle moto serie. Sigh, il mio Transalp fa si che nessuno mi rivolga nemmeno un cenno di saluto

Immagine

Immagine

A meno di 70 km da Ohrid noto una piccola chiesetta sulla mia destra: c’è anche un cartello stradale Celopeci 500 mt.

Immagine

Sembrerebbe impossibile, ma wikipedia ne parla ampiamente

https://en.wikipedia.org/wiki/%C4%8Celo ... i%C4%8Devo

veduta aerea del villaggio censito nel 2002 a 318 abitanti

Immagine

Immagine

Immagine

Potrebbe essere una sosta senza senso, e invece, accade una magia, di quelle che solo il caso possono far accadere. Un gruppo di bambini sta giocando con una palla e mi notano mentre sto scattando la foto. Si avvicinano e chiamano dei loro amici: non ho scampo sono circondato. Qualcuno sembra anche capire un paio di termini in inglese. Poi mi aiuto con google translator
La conversazione è un poco limitata: tanto per provare chiedo se parlano tedesco..subito chiamano un altro ragazzino. Nella foto è quello a destra della moto con la tuta coi bordi rossi. Parla tedesco e anche bene. Gli chiedo se l’ha imparato a scuola. No ha fatto da solo con you tube e i sottotitoli. Ma perché tedesco ? Gli piace: ottimo motivo. Dopo un anno la maestra della scuola (ha 11 anni) gli ha procurato un libro di grammatica. Questo è il motivo per cui quando un governo autoritario prende il comando di un paese cerca immediatamente di limitare e controllare e disciplinare l’accesso al sapere: è il nemico numero uno, non ci sono limiti al potere della conoscenza.

Immagine

Immagine

Ovviamente tutti i maschietti sono voluti salire sulla moto

Immagine

Immagine

Quando riparto mi salutano tutti. Avevo pensato a fermarmi per la notte chiedendo a qualcuno di ospitarmi, ma ho notato che sta diventando sempre più difficoltoso accendere la moto per ripartire. Meglio raggiungere Ohrid, un meccanico lo trovo di sicuro
Ci arrivo nel tardo pomeriggio: ho prenotato tramite hostelworld al Valentine Apartments & Room: arrivo proprio dal civico, ma non vedo nessuna insegna. Avanti e indietro per un po’, poi mi decido ad entrare nel cortile del numero civico indicato. L’indirizzo è corretto, peccato che la padrona di casa abbia steso il bucato davanti all’insegna

Immagine

Mi sistemo velocemente in camerata (sono da solo). Il sevizio di te e caffè è compreso nel prezzo

Immagine

Immagine

La signora gentilissima, telefona al figlio di un meccanico lì vicino: domani pomeriggio posso portargli la moto. Una sosta qui è perfetta: Ohrid è la perla dei Balcani 8 una specie di Milano Marittima9 ed era uno dei posti preferiti da Tito per trascorrere i suoi periodi di vacanza. Il suo complesso di ville appartiene ora al governo della Macedonia e le ville sono suddivise fra il presidente, il primo ministro, il capo della polizia ed altri personaggi del governo.

Arrivo a piedi alla parte che da sul lago: ma non ho molto tempo vige in teoria il coprifuoco alle 23,00, ma credo solo per i locali.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Avatar utente
momi20
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 299
Iscritto il: venerdì 7 settembre 2012, 17:23

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da momi20 » lunedì 1 novembre 2021, 11:12

Martedì 22 settembre

Oggi programmo un giorno di sosta, con visita a piedi (o walking tour) della parte storica di Ohrid. Comunque il meccanico mi riconsegnerebbe la moto nel pomeriggio. Comunque decido di passare subito al mattino senza aspettare mezzogiorno: se lo trovo in officina gli lascio la moto subito.
Purtroppo i tappeti non sono ancora asciutti e non riesco a scattare una foto all’insegna del Valentine apartments and Rooms

Immagine

Stamattina ci metto davvero un po’ a farla partire, ma poi trovo subito l’officina e dopo che ho suonato in casa mi viene ad aprire

Immagine

La moto la conosce, ha avuto anche lui un Transalp. Mi dice di tornare verso le 4 del pomeriggio.
Un sito davvero ben curato per aiutarvi a preparare il vostro personale tour a piedi è sicuramente https://www.gpsmycity.com/gps-tour-guides/index.html
Qui potete trovare una miriade di città di tutto il mondo divise per continenti.

Una panoramica del mio giretto per Ohrid, che si rivela una tappa davvero piacevole

Immagine

Immagine

Al molo ci sono tutti i tipi di offerte per le gite sul lago che vi possono venire in mente: ovviamente anche la pesca della famosa trota: la specialità di Ohrid

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

La passerella del lungomare

Immagine

Tintarella

Immagine

La chiesa ortodossa di San Giovanni il Teologo, 13° secolo

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Dallo strapiombo sul mare si stava svolgendo un’esercitazione combinata esercito e protezione civile

Immagine

Il forte di Samuele di Bulgaria, 11° secolo, quando Ohrid era la capitale del primo impero bulgaro

Immagine

Immagine

Questa non la ritrovo

Immagine

Immagine

Di nuovo le candele votive

Immagine

Comunque fra soste e spuntino sono quasi le 3 del pomeriggio e ritorno dal meccanico. Conosco anche il figlio e mi spiega che suo padre ha cambiato 2 candel, un contatto pulito il carburatore e altre cose. Inoltre mi fa notare che il serbatoio è sporco. Andando verso la riserva si inizia a pescare benzina sporca: mi suggerisce perciò di fare rifornimento più spesso.

Immagine

Immagine

Immagine

Le candele e altre cose sistemate

Immagine

Restaura moto d’epoca nella sua officina

Immagine

Immagine

https://youtu.be/xWgHpJ8wsok

phpBB [media]


Dato che siamo a fine pomeriggio, tanto per provare la moto, scelgo di costeggiare per un po’ il lato est del lago: il giro completo sarebbero quasi 100 km

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Rientro verso le 9 di sera mi preparo il riso col formaggio e quei patè solidi di carne ( quasi delle armi improprie )e poi finisco di guardare il documentario della BBC sulla ex Jugoslavia
Immagine

Immagine

Avatar utente
momi20
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 299
Iscritto il: venerdì 7 settembre 2012, 17:23

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da momi20 » lunedì 1 novembre 2021, 18:52

Giovedì 23 settembre

La moto è tornata “nuova” e quindi mi tolgo gli ultimi dubbi sul fatto di aggiungere la Grecia: almeno le Meteore e poi vedremo per Atene.
Finalmente si sono asciugati i tappeti e l’insegna del Valentine Apartments and Rooms si staglia nel soleggiato mattino

Immagine

Viaggerò a sud costeggiando il lato est del lago.
Si deve deviare attraverso questo parco dopo circa 40 km da Ohrid

Immagine

La “bestia di un biker francese

Immagine

Immagine

Prima erano passati degli enduro scortati da polizia ed ambulanze: il sorvegliante all’entrata ci ha spiegato che è stata organizzata una competizione fuoristrada

Immagine

Immagine

Immagine

Io devo tenere la direzione di Bitola

Immagine

Immagine

Immagine

A sinistra si arriva a Bitola per l’autostrada, tirando dritto si percorre la strada normale

Immagine

Scelta quasi obbligata

Immagine

Immagine

Eccomi arrivato a Bitola: giusto il tempo di uno spuntino

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Ho visto parecchi di questi cartelli, ma purtroppo nessun orso avvistato

Immagine

La frontiera con la Grecia a Medzhitlija è a poco più di 20 km: qui l’ingresso è un poco più laboroso.
Misurano la temperatura in una tenda che è il presidio medico, poi quando presento i documenti, oltre al Green Pass il fatto che la moto sia noleggiata in Albania, crea un sacco di domande sull’assicurazione. Alla fine si convincono, in quanto la mia assicurazione è internazionale, senza limitazioni e ho anche lo scontrino del pagamento a parte.

Immagine

Sono quasi 200 km per giungere a Kalambaka, la città da dove andare a visitare il complesso dei monasteri, ma tanto la moto va che è una meraviglia…l’ho pensato troppo presto. Sono in Grecia e da stamattina ho percorso circa 150 km, sono sull’autostrada e il Transalp inizia a sbuffare: impossibile in riserva, ma giro comunque la levetta. Niente da fare si ferma. 3 km più indietro c’era una città: inizio a spingere. Dopo un po’ riprovo ad accendere: ho verificato e non sono in riserva. Miracolo riparte. Sembra tutto a posto, ma esco comunque a cercare un meccanico. Una gentilissima ragazza di una gelateria mi fa accompagnare da un ragazzo da un meccanico. Quando il titolare arriva (ok in inglese) gli spiego il problema che ho avuto. Lui fa un veloce controllo, ma la moto non presenta nessun problema. Non mi rimane che ripartire: proverò a rifornirmi ogni volta arrivato a poco più di 100 km: vedrò anche di trovare una tanica da 5 litri da tirarmi dietro.

Kalambaka è una delle classiche città vicine ad una importante attrazione e trovi tutto quello che può servire ad un turista. Di fronte ad un noleggio di moto e scooter c’è il meccanico della compagnia di noleggio. Fuori vedo anche un Suzuki DR 350. Confido che il meccanico sia competente sulle moto anzianotte. Per lavoraci, mi dice, avrà bisogno di stasera e domattina: non ovrebbero esserci problemi, dovrà pulire il serbatoio. Del resto anche lui ha avuto un Transalp (ahia, già sentita ad Ohrid) Occorre riprogrammare il tutto. Stasera mi sistemo all’ostello e domani noleggio uno dei loro motorini e con quello farò il tour completo dei monasteri. Prenoterò 2 notti a Kalambaka.

Immagine

Sono tranquillamente sotto i 100 km percorsi dall’ultimo rifornimento: ok mi sistemo all’ostello e poi toccata e fuga alle Meteore: almeno una foto col transalp dai monasteri devo farla.

Immagine

Brevemente cercherò di darvi un’idea del luogo: informazioni dettagliate ne troverete a volontà in rete su questo complesso di monasteri greco-ortodossi
Sono edificati su delle sommità rocciose con pareti a picco, le cosidette falesie. Molti dei 24 monasteri sono accessibili da scalinate ricavate nelle pareti rocciose. Per arrivarci, una volta, l’unico sistema era una carrucola con fune che manovrata dall’interno del monastero sollevava una specie di cesto per portare persone o altri generi di cose. Ho sentito una guida che raccontava che una volta venne chiesto ad un monaco come si capiva il momento in cui la corda,per via dell’usura andava cambiata. La leggendaria risposta fu “Quando si rompe”

Ora vi posto una veduta aerea scaricata dalla rete. Per ora non prevedo di acquistare il drone.

Immagine

La mappa del percorso fornita dall’ufficio del turismo di Kalambaka

Immagine
Dei 24 monasteri solo 6 sono abitati e restaurati. Quelli visitabili: date ed orari di ingresso sono da verificare volta per volta. Io sapevo che avrei trovato tutto chiuso. Era già pomeriggio inoltrato: mi pare che uno solo rimanga aperto fino alle 16,00.

La prima vista mi lascia a bocca aperta : come sia stato possibile a quei tempi (XVI secolo) erigere simili costruzioni, non me lo spiego.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Per cena riso+patate+cipolla+pomodori

Immagine

Immagine

Il tandem parcheggiato nella zona cucina mi aveva incuriosito al mio arrivo in ostello. Mentre ceno conosco la coppia di svizzeri che da mesi sta girando per l’Europa

Immagine

Avatar utente
momi20
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 299
Iscritto il: venerdì 7 settembre 2012, 17:23

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da momi20 » lunedì 1 novembre 2021, 23:07

Venerdì 24 settembre

Alè si va a portare la moto da un meccanico che ha posseduto un Transalp e quindi non esistono per lui problemi non risolvibili…anche se mi ha fatto notare che la moto è parecchio vecchiotta e forse quei 38.000 km che segna non sono proprio reali.
A colazione mi ritrovo col mio compagno di stanza (quello alla mia sinistra) e la coppia svizzera che pedala col tandem (ai lati del tavolo a sinistra Berend e a destra Jeannette). Il mio compagno di stanza è svizzero anche lui: lavora qualche mese come assistente con ragazzi problematici: droga, orfani usciti dal riformatorio ecc…Quando arriva il periodo autunno/inverno parte in giro per il mondo, lavorando come insegnante o presso ONG con cui è in contatto da anni: non sopporta la tristezza dell’inverno. La coppia invece ha deciso che questo periodo di pandemia era ideale per prendersi una pausa dai loro impegni. Da qualche mese, pedalando, dalla Svizzera sono andati nell’Est: se ricordo Austria, Ungheria bulgaria, per scendere poi a sud attraverso i balcani e poi in Grecia. Dopo rientreranno in Svizzera per ultimare i lavori della loro casa.

Immagine

Immagine

Ma vuoi dire che non rimetta a posto anche la mia ?

Immagine

Per 15 € noleggio un Typhoon 50 cc che fila una meraviglia: lo hanno portato infatti a 80cc.

Immagine

Parto quindi per il monastero principale che rimane aperto fino alle 16,00: devo dire che il mio due ruote non sfigura in mezzo ai fratelli maggiori che trovo nel parcheggio

Immagine

Immagine

Dovrebbe trattarsi del Monastero di Mégalo Méteoro o Gran Meteora, ma non ne sono sicurissimo: si accettano suggerimenti e/o correzioni

Immagine

Immagine

Immagine

Il biglietto si fa all’ingresso vero e proprio del monastero

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Questa è una campana di legno che scandiva le giornate dei monaci: 8 ore di preghiera, 8 di lavoro e 8 di riposo

Immagine

La cucina

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

E come si arrivava fin quassù ?

Immagine

Col sistema dell’ascensore a spinta di braccia

Immagine

Immagine

Immagine

Spuntino custodito nello zainetto

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Qui poi mi fermo all’ingresso: ho già visitato un monastero

Immagine

Decido di proseguire per la strada

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Poi inizio a rientrare a Kalambaka

Immagine

Immagine

Immagine

Prima di tornare dal meccanico per ritirare la moto mi fermo alla Lidl per la spesa (non c’è traccia dell’Eurospin mannaggia)

Immagine

Immagine

Immagine

Ha avuto degli impegni il meccanico e non ha potuto terminarla: ok torno domani. Mi lascia il motorino anche stasera. Quanto chiedo ? Niente mi risponde sorridendo.

Immagine

Stasera dopo la spesa alla Lidl pranzo di lusso

Riso con cipolla, patate e formaggio

Immagine

Immagine

Immagine

Vuoi mettere ? Ci aggiungo gli highligts della NFL

Immagine

Stasera che faccio ? Cerco una qualche specie di locale ? Non è alta stagione ma posti ce ne sono. No, ho ancora lo scooter: via per una gita col chiaro di luna ai monasteri per ammirarli di nuovo. Non sono però bravissimo con le riprese notturne: ho fatto del mio meglio

Immagine

Immagine

Immagine

Tornato in città gironzolo a caso (sempre un’ottima scelta) e mi fermo da una chiesa

Immagine

La strada che ci arriva è proprio quello che cercavo: ai due lati un localino dietro l’altro e solamente con gente del posto. Tutti localini in fila uno dietro l’altro con sedie di legno e tavolini all’aperto, un poco defilati dalla via principale della città

Immagine

Immagine

La strada si chiama via Vlachava. Se capitat e a Kalambaka è il posto giusto per mangiare o gustarsi una birra o un bicchiere di vino.

Avatar utente
ciccio pasticcio
EnduristaSelvaggio
EnduristaSelvaggio
Messaggi: 2524
Iscritto il: mercoledì 21 novembre 2007, 16:40

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da ciccio pasticcio » martedì 2 novembre 2021, 15:05

Gurgle

Inviato dal mio BISON utilizzando Tapatalk

SBARO MA.....NO IMPARO!!!!!!!
Semper Cancellis!!
Ciao Pupa, Ciao Tonino, Ciao Massimo, Ciao Stefano,Ciao Mario, Ciao Corrado, Ciao Luca, Ciao Nik, ci vediamo piu in la.

Avatar utente
tony52
EnduristaSelvaggio
EnduristaSelvaggio
Messaggi: 1005
Iscritto il: martedì 11 maggio 2010, 22:12

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da tony52 » martedì 2 novembre 2021, 19:44

Grande Momi...ci fai sempere sognare

Inviato dal mio CPH2161 utilizzando Tapatalk

ImmagineTONY MANERO

Avatar utente
momi20
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 299
Iscritto il: venerdì 7 settembre 2012, 17:23

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da momi20 » mercoledì 3 novembre 2021, 23:31

Sabato 25 settembre
Il week end non potrebbe iniziare meglio: sole, vado a ritirare la moto e quindi raggiungerò Atene senza problemi.
Prima di andare dal meccanico, però, ripasso da via Vlachava: sono consapevole che le mie foto notturne fanno un poco schifio.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Alè. Transalp resuscitato, oltre al serbatoio ha cambiato le altre 2 candele, che sono più difficili da sostituire di quelle messe a Ohrid. Ma tanto avendo dovuto smontare il serbatoio, già che era lì. Me la cavo con 40 euro.

Immagine

Sotto osservazione adesso c’è il Suzuki DR 350

Immagine

Per raggiungere Atene, il meccanico, mi ha consigliato un percorso secondario e io seguo questo suggerimento. Poi, d’accordo che adesso la moto non ha più problemi, però , lungo la strada normale , nel caso, dovrebbe essere più facile trovare assistenza.
Qui io sono andato a sinistra, invece di proseguire per l’autostrada

Immagine

Il meccanico aveva ragione sui panorami

Immagine

Purtroppo non sulle condizioni della moto: dopo circa 150 km ricomincia a sbuffare e si ferma. Inizio a pensare che nemmeno Zeus con gli attrezzi potrebbe risolvere il problema. Dopo un po’ però riparte. Poiché ho visto parecchie stazioni di servizio chiuse, esco alla prima città e vado in cerca di una tanica.

Immagine

Compro anche le corde elastiche

Immagine

Adesso devo solo ricordarmi di riempire il serbatoio ogni 100 km

Immagine

Mi sono fermato a mangiare a Delfi

Immagine

Ovviamente di fronte al ristorante

Immagine

Immagine

Nei pressi di Atene rientro in autostrada e all’uscita del casello due motociclisti mi danno l’indirizzo di un grosso concessionario Honda di Atene.

Immagine

La tangenziale di Atene non è semplicissima e spesso mi sono dovuto fermare per fare il punto

Immagine

Prima di arrivare all’ostello faccio la spesa

Immagine

Arrivo al Pagration Youth Hostel http://athensyhostel.com/ e mi accorgo che non ha il parcheggio. La strada è in discesa e a momenti rischio il capitombolo: mi aiutano il gestore dell’ostello, George, e uno degli ospiti.L’ostello ha l’ambientazione giusta.
Dato che ormai è sera, dopo mangiato, prendo la moto e decido di fare un salto all’Acropoli per vederla di notte. Ora posso confessarlo. Uno dei motivi che mi hanno spinto a venire ad Atene è stato per vedere dal vivo il Partenone. Al liceo, per le ore di storia dell’arte lo abbiamo studiato e vivisezionato, oltre a disegnare a mano i capitelli. Ho dovuto aspettare 45 anni, ma alla fine riuscirò a contare quelle maledette colonne: 17 sul lato lungo e 8 su quello corto, per mantenere la prospettiva !

Immagine

Immagine

Alla sera non è possibile visitarla: lo farò domani, domenica: oltre a tutto c’è l’ingresso gratuito. Nella zona dell’anfiteatro c’è un concerto di hard rock anni 70: fa parte di un festival estivo Comunque posso girarci tutto attorno: affascinante illuminata di notte

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine
Immagine

La moto deve rimanere in strada, ma ci sono 2 ruote parcheggiate ovunque

Immagine

Avatar utente
Mark_Lenders
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 167
Iscritto il: martedì 29 maggio 2018, 22:40
Località: piove di sacco

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da Mark_Lenders » giovedì 4 novembre 2021, 13:53

Grande! Chissà cosa aveva sto TA. Ma quelle bandiere americane in Kosovo?

Inviato dal mio MAR-LX1A utilizzando Tapatalk

Honda Dominator 1991

Avatar utente
momi20
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 299
Iscritto il: venerdì 7 settembre 2012, 17:23

Re: Jump To Balcani 2021...anche la Grecia

Messaggio da momi20 » giovedì 4 novembre 2021, 18:59

Mark_Lenders ha scritto: giovedì 4 novembre 2021, 13:53 Grande! Chissà cosa aveva sto TA. Ma quelle bandiere americane in Kosovo?

Inviato dal mio MAR-LX1A utilizzando Tapatalk
Per l'appoggio ricevuto ai tempi del conflitto

https://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_del_Kosovo

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno